Skip to content

La terra di nessuno

13 maggio 2015

A seguito di un nostro intervento al Primo Municipio avvenuto il 28 aprile c.a. nella sede di Circonvallazione Trionfale n. 19, alla presenza del Prefetto Gabrielli e la Presidente Alfonsi, pubblichiamo una lettera di sollecito di quanto esposto in quell’occasione, alla consigliera Antonella Pollicita:

Gentile Consigliere Antonella Pollicita,

la presente è per ricordarLe della situazione caotica che regna da ormai troppo tempo che riguarda il confine del primo Municipio e che coinvolge una terra che noi chiamiamo di NESSUNO.
Continuiamo a ricevere segnalazioni e lamentele degli abitanti che si affacciano sulle pendici di Monte Ciocci e più precisamente di tutta quella fascia di palazzi in Via Pietro De Cristofaro angolo Via AnastasioII.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Sono anni che viene subita una situazione indecorosa e pericolosa di ogni tipo che va dalla presenza di una stazione di servizio IP che ha interrotto il marciapiede per cui i pedoni che lo percorrono per andare alla metro Valle Aurelia, bus, stazione treni o al parco, spesso rischiano di essere travolti dagli automobilisti che entrano a tutta birra, inconsapevoli del fatto che li transitano anche pedoni e tanti. Proprio recentemente sotto gli occhi di chi scrive è stato sventato un incidente ai danni di una mamma con bimbo in carrozzina. Per non parlare dei ciclisti che discendono anche loro a tutta birra dal Parco Monte Ciocci. Inoltre proprio alle spalle del benzinaio, dove ancora si attende un percorso in terra battuta che sia di servitù al parco ma anche a chi deve prendere la metro, treno Roma Viterbo o gli autobus, proprio per evitare di essere travolti come descritto sopra, si registra ogni tipo di attività illecite ( spaccio di droga e insediamenti abusivi tra le canne confinanti il parco).
Abbiamo denunciato recentemente in un incontro pubblico al Municipio di appartenenza tutto ciò, chiedendo di far luce decidendo chi ha la competenza di tutta l’area che va dall’angolo Via Pietro De Cristofaro e Via AnastasioII, fino al ponte della vecchia ferrovia Roma Viterbo. Lei era presente e si è impegnata a far fronte alle nostre istanze. Per questo confidiamo che a breve termine si ponga fine a questa ormai annosa questione e inviamo anche del materiale fotografico per meglio identificare i luoghi di quanto abbiamo esposto pregandoLa gentilmente di una sollecita risposta.

Un giubileo da paura

27 marzo 2015

Riceviamo dall’amico Stefano e volentieri pubblichiamo, la seguente mail.

 

 

Spett. le Associazione,

 

nuove nubi si addensano sul Parco e sulla pista ciclabile.

A pag. 23 del numero odierno di Leggo, si profila, da parte delle autorità preposte (assessore al turismo e presidente XIV Municipio)  l’ipotesi di realizzare un ostello per i pellegrini del Giubileo prossimo a S. Maria della Pietà, sfruttando la ferrovia tra Trionfale e S. Pietro. Inoltre, tra vaneggiamenti vari sulla via Francigena,  si  cita anche la presenza della ciclabile come percorso alternativo.

A questo punto mi chiedo: ve l’immaginate il Parco percorso da migliaia di persone con immancabili cibarie consumate e cartacce buttate senza uno straccio di servizio di pulizia?

Probabilmente  tutte le criticità negative del Giubileo ricadranno sui cittadini già fortemente tartassati nei periodi “normali”, lasciando le ricadute positive dell’evento agli esercenti di attività turistiche, i cui guadagni, pressochè esentasse……,  non porteranno alcun beneficio alla collettività.

Infatti, in un sistema economico sano, il giro di guadagni privati, con una giusta quota di tasse pagate, deve migliorare anche la gestione della cosa pubblica.

Detto ciò vi chiedo di restare vigili e, se possibile, di pubblicare al mia lettera   sul sito in maniera tale da sensibilizzare le persone circa il problema da me posto.

 

Grazie

Stefano

stefano.finuola@mise.gov.it

E se “Mafia Capitale” spiegasse tutto?

13 dicembre 2014

Alla luce della sconvolgente inchiesta su “Mafia Capitale”, non possiamo non spendere anche noi due parole. Ciò che è accaduto potrebbe spiegare alcuni avvenimenti in apparenza inspiegabili, relativi al nostro amato Parco. Dai numerosi interventi inutili sugli accampamenti abusivi, avvenuti in tanti anni fino a qualche giorno fa, ai lavori ancora rimasti incompleti ed altro.
Noi riteniamo di aver compiuto un miracolo, ma con immane fatica, nell’acquisizione di un bene pubblico e che, grazie ad una nostra insistenza, anche se il parco non ancora del tutto completato, sia stato aperto dal luglio del 2013.
Per un buon numero di anni ci siamo battuti per fa si che denaro pubblico giacente nelle casse di Roma Capitale destinato a questa opera fosse sbloccato o addirittura che non sparisse. Sgomenti e impotenti abbiamo assistito alla comparsa di una stazione di servizio la dove sapevamo essere area di uno degli ingressi al parco. Caparbiamente dal 2009, finalmente anno di inizio lavori, che sarebbero dovuti terminare in gennaio 2011, con azioni di protesta abbiamo fatto si che tali “faraonici” lavori continuassero fino al 2013 dopo più di una interruzione con giustificazioni alquanto strane. Abbiamo più volte protestato per la imponenza dei lavori.
A nostro parere si sarebbe potuto prendere a modello il parco di Monte Mario o Proba Petronia che nella loro semplicità non sono certo costati tanto denaro, cosa che abbiamo preferito fino ad oggi non sapere per Monte Ciocci, dove il cemento ha preso il sopravvento rispetto al verde. Al quasi completamento dei lavori, abbiamo sventato il tentativo di scippo di gran parte dell’area l’anno scorso con la vicenda del progetto di un grosso centro sportivo nell’Istituto di Agraria Domizia Lucilla. Con una forte pressione presso Comune e Regione è stato ottenuto definitivamente, si spera, l’inserimento di Monte Ciocci nell’area protetta di Monte Mario. Tutto questo grazie anche al prezioso aiuto di alcuni amministratori di buona volontà.
Infine negli ultimi mesi fino a dopo l’estate, ci siamo fatti carico di tenere pulito il parco facendoci garantire almeno qualche sfalcio di verde da parte del Servizio Giardini. Certo Monte Ciocci è piccola cosa; chissà se sarà finito anche lui nel calderone tremendo ormai scoperchiato! Fa molta tristezza e rabbia che, quanto sempre timidamente sospettato, potrebbe riguardare anche il nostro parco mai inaugurato ufficilmente e anche questo è un po’ strano. Quanto sarà costato in danaro oltre alle nostre energie il Parco di Monte Ciocci? Lasciamo la magistratura al suo lavoro e chissà che nel bene o nel male ci possa dare una risposta anche a questo riguardo.

Settimana UNESCO all’Agraria

19 novembre 2014

Amici,

di seguito il programma della Settimana Unesco sulle buone pratiche di sviluppo sosenibile all’Istituto Domizia Lucilla. Un’occasione per imparare qualcosa di davvero importante, per conoscere un’importante realtà del nostro quartire e per supportare ragazzi e prof dell’Agraria.

PARTECIPIAMO!

Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile (dal 24 al 28 novembre 2014):

“Le buone pratiche”

Manifestazioni dal 24 al 28 novembre presso I.I.S. “DOMIZIA LUCILLA” – ROMA- sezione Agraria via Domizia Lucilla, 76 e sezione Alberghiera via Cesare Lombroso, 118, con il Progetto:

“Piccoli orti crescono”

ATTIVITA’ PREVISTE:
Convegno. Seminari. Lavorazione degli orti biologici. Peer education tra scolari dell’Istituto comprensivo “Federico Borromeo” e studenti dell’Istituto Agrario. Percorsi guidati. Proiezioni di video. Interviste ai relatori del convegno. Presentazione di lavori di approfondimento da parte degli studenti
Progetto: “la mia scuola pulita”. Continua a leggere…

Orti Urbani a Monte Ciocci

27 ottobre 2014

Anche la Repubblica s’è accorta del progetto Orti Urbani che a breve arricchirà il Parco urbano di Monte Ciocci.

 

LEGGI L’ARTICOLO

160750317-0d9fbbba-e233-4184-94f6-13a4d39836d7

Noi diciamo basta

13 ottobre 2014

Nell’incontro avvenuto ieri alle 18, presenti alcune persone aderenti al comitato Monte Ciocci e che si sono offerte per il servizio volontario di mantenimento del decoro nel parco, all’unanimità è stato deciso di interrompere l’accordo se pur verbale con il Municipio, anche se a malincuore perché consapevoli dell’effetto della nostra mancata azione.20140429_112310

Abbiamo sostenuto in pochissimi per anni una lotta estenuante  affinché nascesse un luogo aperto al pubblico di straordinaria bellezza, oggi apprezzata da moltissimi, vista la incredibile affluenza di persone, e ci duole constatare che le nostre modeste richieste di messa a punto di alcune carenze inerenti al parco, non hanno ricevuto a tutt’oggi un riscontro e sono:

 

  1. Bando per il punto ristoro nell’area bimbi prima che vada completamente in rovina.
  2. Un cartello di divieto di parcheggio lungo l’entrata in Via Lucio Apuleio ( bambini e genitori sono sottoposti a inalare le polveri sollevate dal transito auto)
  3. Abbiamo chiesto una campana per il vetro che abbonda nei cestini da svuotare e che appesantiscono il lavoro di svuotamento
  4. Impiantare dei dissuasori seri per non far transitare veicoli a motore come avviene soprattutto a notte fonda.
  5. Sapere il vero motivo del perché fontana e fontanelle non erogano l’acqua che oltre tutto servirebbe per irrigare gli alberi che già stanno cadendo morti.
  6. Area cani come da raccolta di 500 firme consegnate al Municipio protocollo n.32180/2014
  7. Rimozione del distributore bustine e raccoglitore deiezioni canine che giacciono da quando è stato impiantato ora sigillato dai frequentatori area cani in via Domizia Lucilla.
  8. Sarebbe auspicabile per finire, il controllo notturno almeno periodico di una pattuglia delle forze dell’ordine che a piedi facciano un giro per il parco.

    Se l’Amministrazione pensa che il contributo dato fino ad oggi da cittadini volontari che si sono fatti carico di mantenere pulito questo luogo merita una risposta, è arrivato il momento di farcelo capire con azioni e non con parole.

Tutti in pista

13 giugno 2014

Domani è un giorno importante per la città. Viene infatti inaugurato la nuova pista ciclopedonale che collegherà Monte Ciocci a Monte Mario passando per il Gemelli. Un circuito di quasi sei chilometri dove pedalare, passeggiare, correre, giocare. Un’infrastruttura attrezzata con panchine, fontanelle e aree di sosta, realizzato sopra la copertura della linea ferroviaria Roma-Viterbo FR3.

Sarà un’inaugurazione itinerante che comincerà alle 17 al Viale dei Monfortiani e si concluderà intorno alle 19.30 nel Parco Urbano di Monte Ciocci.

È prevista la presenza del primo cittadino/ciclista Ignazio Marino.

http://m.youtube.com/watch?v=iqNWChmnDaw

Questo il video realizzato per presentare il percorso:

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.